trading

Il boom delle criptovalute sta sconvolgendo il settore bancario?

Home page


Alcuni osservatori ritengono che un'opzione che potrebbe minare l'intero ecosistema crittografico sia la creazione di un dollaro digitale emesso dal governo degli Stati Uniti.


Il boom delle società che offrono prestiti in criptovaluta e conti di deposito ad alto rendimento ha sconvolto il settore bancario e ha costretto i regolatori a correre per recuperare il ritardo.



In un rapporto pubblicato dal quotidiano americano "The New York Times", gli scrittori Eric Lipton ed Efrat Livni hanno affermato che "BlockFi", una startup finanziaria in rapida crescita con sede a Jersey City, aspira ad essere una banca JPMorgan Cryptocurrency.

Gli autori aggiungono che questa società offre carte di credito, prestiti e conti fruttiferi. Ma invece di trattare principalmente in dollari, Blockfi opera in un mondo in rapida espansione di valute digitali e appartiene a una nuova generazione di istituzioni che lavorano attivamente per creare un sistema bancario alternativo basato sulla tecnologia.


Gli autori proseguono affermando che i regolatori statali e federali statunitensi e alcuni membri del Congresso ritengono che l'ingresso di criptovalute nelle banche sia motivo di preoccupazione.


Gli autori sostengono che questo tipo di tecnologia sta sconvolgendo il mondo dei servizi finanziari in modo così rapido e imprevedibile che i regolatori del settore finanziario rimangono molto indietro, il che potrebbe lasciare i consumatori (clienti) e i mercati finanziari vulnerabili.


Il rapporto del quotidiano americano rileva che alti funzionari della Federal Reserve e di altri regolatori bancari stanno attualmente e urgentemente lavorando in quella che chiamano la "corsa alla criptovaluta", nel tentativo di recuperare il ritardo con i rapidi cambiamenti e determinare come ridurre i potenziali rischi per questo emergente industria che ha segnato la sua storia tanto grande speculazione di alta posta in gioco e progressi tecnologici.


truffa

Secondo il quotidiano, funzionari federali e statali hanno avvertito che il settore dei servizi cripto-finanziari è vulnerabile in alcuni casi a hack e frodi e fa affidamento su innovazioni rischiose.

Secondo il quotidiano, la piattaforma crittografica "PolyNetwork" - nell'ultimo mese - ha perso brevemente 600 milioni di dollari nei beni dei suoi clienti a causa degli hacker, la maggior parte dei quali sono stati recuperati dopo che i fondatori del sito hanno implorato i ladri di ritirarsi.


Gli autori aggiungono che la SEC ha istituito un ufficio autonomo per coordinare le indagini su criptovalute e altre risorse digitali e ha arruolato accademici con competenze pertinenti per aiutarla a tenere traccia dei rapidi cambiamenti, sapendo che potrebbe volerci almeno un anno per scrivere regole o approvare una legislazione al Congresso. I regolatori possono emettere linee guida provvisorie per stabilire alcune aspettative al fine di ottenere il controllo del settore.


Gli autori hanno affermato che Blockfi è già stato preso di mira dai regolatori in 5 stati che lo hanno accusato di violare le leggi locali sui titoli, mentre le preoccupazioni dei regolatori includono più demo offerte da gruppi come PancakeSwap, che si vantano che i suoi utenti possono guadagnare fino al 91% del rendimento annuo sui depositi di criptovaluta.





paure

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen e il presidente del consiglio della Federal Reserve Jerome Powell hanno espresso preoccupazione per l'industria emergente anche se la Federal Reserve e altre banche centrali stanno valutando se emettere le proprie valute digitali.


Powell ha sottolineato - secondo il quotidiano - la diffusione delle cosiddette valute stabili, che sono valute digitali il cui valore è solitamente legato al dollaro e sono frequentemente utilizzate nei trasferimenti di denaro digitale e in altre transazioni come il prestito.


Durante la sua testimonianza davanti al Congresso lo scorso luglio, Powell ha osservato che i beni sicuri in cui conserviamo il denaro delle persone non sono disponibili per le stablecoin.


Più modelli

Nel loro rapporto, gli autori hanno affermato che il servizio bancario di criptovaluta è disponibile per una vasta gamma di aziende. Ci sono anche aziende che lavorano su modelli simili a quelli delle banche tradizionali orientate al consumatore, come Blockfi, che sperano entro la fine di quest'anno di avere depositi dei clienti in criptovalute.


Sul versante più estremo - aggiungono gli autori - c'è la finanza decentralizzata, che è simile a Wall Street per le criptovalute. La finanza decentralizzata elimina gli intermediari umani come intermediari, impiegati di banca e commercianti e utilizza invece algoritmi per condurre transazioni finanziarie, come prestiti e prestiti.


Gli autori spiegano che i legislatori e le autorità di regolamentazione sono preoccupati che i consumatori non siano sempre pienamente consapevoli dei potenziali rischi dei nuovi servizi crittografici simili alle banche e delle piattaforme di finanziamento decentralizzate.


"In realtà, i conti di deposito di criptovalute non sono assicurati a livello federale. Le partecipazioni potrebbero non essere garantite se i mercati vanno male. Le persone che prendono in prestito contro la loro criptovaluta possono affrontare la liquidazione, a volte in mercati completamente automatizzati e non regolamentati", affermano gli autori.


Rompere gli schemi bancari

La sfida normativa è ancora maggiore quando si tratta di altri sviluppatori emergenti di criptovalute, dato che sono essenzialmente mercati automatizzati gestiti da programmi per computer che facilitano le transazioni senza la necessità dell'intervento umano. L'idea è eliminare gli intermediari e riunire acquirenti e venditori basati su Blockchain, la tecnologia alla base della criptovaluta soprattutto perché i siti non raccolgono nemmeno le informazioni personali degli utenti.


I fondatori di questo tipo di piattaforme ritengono che stiano solo costruendo un "protocollo" che in definitiva è guidato da una comunità di utenti, con il codice del computer in esecuzione in modo efficace per la visualizzazione.


  Cosa fare?

Alcuni legislatori sostengono che un'opzione utile sarebbe quella di vietare alle banche negli Stati Uniti di detenere depositi in contanti per sostenere valute stabili.


L'altra seconda opzione, che secondo alcuni potrebbe minare l'intero ecosistema cripto, è la creazione di un dollaro digitale emesso dal governo.


A questo proposito, afferma Powell, "non hai bisogno di stablecoin o criptovalute se hai una valuta digitale americana".


Fonte: The New York Times

Reactions:
Il boom delle criptovalute sta sconvolgendo il settore bancario?
fiera uccelli

Commenti

Non ci sono commenti
Posta un commento
    google-playkhamsatmostaqltradent