Translate

Le società di criptovalute continuano la baldoria delle proposte di ETF con Bitcoin, documenti DeFi

 I documenti normativi di martedì mostrano che Amplify, Invesco e Galaxy Digital hanno presentato alla SEC un paio di offerte di ETF crittografici.

Un'ondata di richieste di fondi negoziati in borsa (ETF) di criptovaluta è continuata martedì dopo che Amplify, Invesco e Galaxy Digital hanno presentato un paio di tali prodotti.







Invesco e Galaxy hanno presentato congiuntamente una dichiarazione di registrazione per un ETF bitcoin con supporto fisico, mentre Amplify ha puntato in modo più ampio sulla richiesta di un ETF finanziario decentralizzato (DeFi) e cripto, secondo un paio di documenti normativi.

L'applicazione Amplify ETF consentirebbe al fondo di investire in futures bitcoin, fondi bitcoin canadesi e società che detengono più del 50% del proprio patrimonio netto in bitcoin, etere o un'altra criptovaluta "liquida".


"Inizialmente, il Fondo prevede di investire direttamente fino al 15% delle sue attività totali in Grayscale Bitcoin Trust ("GBTC") e in ETF bitcoin canadesi che investono in bitcoin", afferma il documento. (Grayscale e CoinDesk condividono una società madre, Digital Currency Group.)


Il prospetto è ancora soggetto a completamento e i ruoli chiave di backend devono ancora essere coperti. Ad esempio, la coppia deve ancora nominare un custode bitcoin.


Invesco ha già presentato una domanda per un ETF bitcoin legato ai futures prima della Securities and Exchange Commission (SEC). Una sentenza su tale deposito è attesa per ottobre.


Lunga strada

La SEC che sovrintende agli ETF negli Stati Uniti, sta già esaminando oltre una dozzina di domande per vari fondi correlati alle criptovalute, inclusi ETF bitcoin ed etere che si basano sia sull'attuale asset digitale (supportato fisicamente) che sui rispettivi mercati dei futures delle criptovalute.


L'agenzia non ha ancora approvato alcun ETF crittografico, sebbene il presidente della SEC Gary Gensler abbia recentemente suggerito che un ETF basato su futures depositato ai sensi dell'Investment Company Act del 1940 potrebbe avere maggiori possibilità di ottenere il via libera rispetto a un ETF garantito fisicamente.


VanEck, che ha depositato un ETF alla fine del 2020, sarà il primo dei recenti richiedenti a sapere come la SEC vede il suo deposito a novembre . In base ai regolamenti federali, entro tale data la SEC deve prendere una decisione definitiva.

google-playkhamsatmostaqltradent