Scienziati tedeschi cercano di sviluppare un trattamento per le cellule cancerose dormienti

Home page

 Durante la chemioterapia, alcune cellule tumorali possono entrare in uno "stato di ibernazione", consentendo ai tumori di ricrescere. Tuttavia, i ricercatori dell'ospedale universitario di Colonia in Germania hanno trovato un trattamento mirato a queste particolari cellule.


Studi - condotti negli ultimi anni - hanno dimostrato che molti pazienti sviluppano autoresistenza ai farmaci durante il trattamento, e questo consente ai tumori di ricominciare a crescere, secondo un rapporto pubblicato da Deutsche Welle.

In un recente studio, i cui risultati sono stati pubblicati il ​​17 settembre sul sito web dell'Università di Colonia, i ricercatori hanno scoperto che una delle ragioni dell'improvvisa ricomparsa del cancro in alcuni pazienti è che alcune cellule tumorali non muoiono completamente, ma piuttosto entrare in un cosiddetto “stato di ibernazione”.”.


"Siamo stati in grado di dimostrare che invece di morire, le cellule tumorali dopo il trattamento possono anche entrare in uno stato di ibernazione. Alcune cellule tumorali possono sopravvivere al trattamento in questo caso, che successivamente porta a una ricaduta nel paziente", spiega il medico tedesco che ha condotto lo studio, Johannes Bregelmann.


Prevenire lo sviluppo di nuovi tumori

Sebbene ciò non sembri positivo, ha fornito un nuovo punto di partenza che ha aiutato i ricercatori a sviluppare trattamenti più efficaci per eliminare le cellule tumorali che entrano in uno "stato di ibernazione" e impedire loro di svilupparsi nuovamente in tumori.

I ricercatori - dell'Ospedale universitario di Colonia - hanno scoperto che è possibile sviluppare un trattamento che colpisca le cellule tumorali che entrano in uno "stato di ibernazione", attivando il sistema immunitario innato delle cellule, e quindi il sistema immunitario nei corpi dei pazienti può interagiscono meglio con le cellule cancerose e resiste loro efficacemente.


Tuttavia, questo da solo non è sufficiente per innescare una risposta immunitaria così forte nel corpo che tutte le cellule tumorali attive e inattive vengono eliminate, spiega Karina Lorentz, co-autrice dello studio.


Ma sembra diverso quando i farmaci antitumorali mirati sono combinati con la cosiddetta "immunità innata dei recettori cellulari e di membrana" (RIG-I), che può mirare ed eliminare specificamente le cellule tumorali che entrano in uno "stato di ibernazione", come hanno scoperto i ricercatori di Colonia. .Nuovi punti di attacco

"In breve, invece di morire, le cellule tumorali possono anche andare in letargo con terapie antitumorali mirate, che consentono loro di sopravvivere dopo il trattamento, ma creano nuovi punti di attacco", spiega il professore universitario Martin Seuss, coautore dello studio.


"Con l'analisi molecolare di questo caso, abbiamo sviluppato un nuovo approccio terapeutico in cui combiniamo farmaci antitumorali mirati con l'immunoterapia appropriata, migliorando così la risposta terapeutica. I futuri studi clinici dovranno chiarire fino a che punto queste nuove terapie combinate possono migliorare la sopravvivenza dei pazienti prospettive”. Vivo”.


Fonte: Deutsche Welle

Reactions:
author-img
news trading hosting

Commenti

google-playkhamsatmostaqltradent