trading

Due giornalisti dalle #Filippine e dalla #Russia hanno annunciato i vincitori del Premio Nobel per la pace

Home page

 Il Premio Nobel per la Pace ha appena annunciato che Maria Ressa delle Filippine e Dmitriy Muratov della Russia hanno vinto il Premio Nobel per la Pace; Per il loro ruolo nella difesa della libertà di stampa e in onore del diritto alla libertà di espressione, che il comitato di aggiudicazione ha descritto come minacciato in tutto il mondo.


La giornalista filippina Maria Ressa e il giornalista russo Dmitriy Muratov sono stati premiati "per la loro coraggiosa lotta per la libertà di espressione nelle Filippine e in Russia", ha detto la presidente del Comitato per il Nobel norvegese Berit Rice Andersen in una conferenza stampa.







"Una stampa libera, indipendente e basata sui fatti protegge dall'abuso di potere, dalle bugie e dalla propaganda di guerra", ha affermato.



Questa è la prima volta che i giornalisti ricevono il premio da quando il tedesco Karl von Ossetsky lo vinse nel 1935 per aver rivelato il programma segreto di riarmo del dopoguerra del suo paese.


"Rapporti accurati che ci aiutino a rimanere informati e ad avere un'idea degli eventi attuali in tempo reale sono essenziali per un buon dibattito pubblico e istituzioni democratiche", ha affermato il direttore del Peace Research Institute Henrik Urdahl.


Congratulazioni

Il Cremlino si è congratulato con Dmitriy Muratov, caporedattore del quotidiano russo indipendente Novaya Gazeta, per aver vinto il Premio Nobel per la pace per i suoi sforzi per proteggere la libertà di espressione.


"Ci congratuliamo con lui, è talentuoso e coraggioso", ha detto ai giornalisti Dmitry Peskov, portavoce del presidente Vladimir Putin.



Anche l'Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani si è congratulato con i giornalisti filippini e russi e ha considerato la loro vincita del Premio Nobel per la pace "un riconoscimento dell'importanza del lavoro dei giornalisti nelle circostanze più difficili".


"Nel corso degli anni abbiamo assistito a un aumento degli attacchi contro i giornalisti e anche durante il blocco correlato al COVID-19", ha detto ai giornalisti a Ginevra la portavoce dell'ufficio Ravina Shamdasani.


"Penso di parlare a nome dell'Alto Commissario Michelle Bachelet quando mi congratulo con tutti i giornalisti che stanno facendo il loro lavoro in modo che possiamo continuare a sapere cosa sta succedendo intorno a noi e per far sentire la voce delle vittime ovunque", ha aggiunto.


Il premio - che consiste in un attestato e un assegno di 10 milioni di corone (980.000 euro) - viene tradizionalmente assegnato il 10 dicembre, anniversario della morte di Alfred Nobel (1833-1896).



Dopo il Premio per la pace - l'unico assegnato nella capitale norvegese - la stagione dei Nobel tornerà a Stoccolma per assegnare lunedì il premio per l'economia.


Chi è Dmitrij Muratov?

Dmitry Muratov, 59 anni, è uno dei giornalisti russi più rispettati.


Dal 1995 è stato più volte caporedattore di Novaya Gazeta, co-fondata dall'ex leader sovietico Mikhail Gorbaciov nel 1993.


Novaya Gazeta è uno dei giornali più importanti della Russia, un quotidiano noto per la sua posizione critica sugli affari politici e sociali russi e uno dei pochi media ancora critici nei confronti del presidente russo Vladimir Putin.



Il Comitato per il Nobel ha detto di Muratov che per decenni aveva difeso la libertà di espressione in Russia in circostanze sempre più difficili.


Il comitato ha osservato che, nonostante le uccisioni e le minacce, il caporedattore Dmitry Muratov si è rifiutato di abbandonare la politica indipendente del giornale e ha difeso costantemente i diritti dei giornalisti.


"Non posso prendermi tutto il merito per questo. Il merito va a Novaya Gazeta; va a coloro che sono morti difendendo il diritto delle persone alla libertà di espressione", ha detto Muratov all'agenzia di stampa TASS dopo l'annuncio del premio.


Dal 2000, sei giornalisti e collaboratori di giornali sono stati assassinati in relazione al loro lavoro, tra cui la più importante giornalista investigativa, Anna Politkovskaya.



E giovedì scorso, nella sede della redazione del giornale, Muratov ha presieduto una cerimonia in onore della Politkovskaja, uccisa 15 anni fa.


La Politkovskaya era una critica vocale di Putin e delle guerre del Cremlino in Cecenia ed è stata uccisa il 7 ottobre 2006 all'ingresso del suo condominio nel centro di Mosca, quando aveva 48 anni.


Chi è Maria Ressa?

È una giornalista filippina che risiede nella capitale, Manila, e in precedenza ha affermato di vivere sotto minacce di stupro e omicidio dal 2016.


Il Comitato per il Nobel ha affermato nella sua dichiarazione che Resa sta usando la libertà di espressione per denunciare l'abuso di potere, la violenza e l'ascesa dell'autoritarismo nel suo paese d'origine, le Filippine.



Nel 2012, la giornalista Risa ha co-fondato Rappler, una società di media digitali per il giornalismo investigativo nelle Filippine.


In un articolo sul quotidiano americano "Washingtonpost" lo scorso maggio, la giornalista filippina Maria Ressa ha rivisto la sua esperienza giornalistica e le minacce e le molestie che ha dovuto affrontare.


Ha sottolineato che è costantemente soggetta a commenti offensivi, razzisti e diffamatori, ed è accusata di promuovere notizie false, e ciò non dipende dal ledere la sua dignità e mettere in discussione la sua credibilità, ma piuttosto va oltre a pericoli reali che affronta in una dei paesi più pericolosi al mondo, secondo gli indicatori della libertà di stampa.


Ressa ha aggiunto che questi attacchi e commenti offensivi online hanno aperto la strada alla sua persecuzione e condanna lo scorso giugno per "diffamazione elettronica".



Le sono stati emessi 10 mandati d'arresto in meno di due anni ed è stata detenuta due volte nelle settimane 6. Attualmente sta affrontando 9 casi separati e, se condannata per tutte le accuse, potrebbe trascorrere il resto della sua vita in prigione.


Alla luce delle sfide che sta vivendo, pochi giorni fa Risa è stata insignita del Premio UNESCO per la libertà di stampa dell'anno 2021.


Vincitori del premio Nobel per la pace nell'ultimo decennio

Di seguito è riportato un elenco dei vincitori degli ultimi dieci anni del Premio Nobel per la pace:


2020- Programma alimentare mondiale

Reactions:
Due giornalisti dalle #Filippine e dalla #Russia hanno annunciato i vincitori del Premio Nobel per la pace
fiera uccelli

Commenti

Non ci sono commenti
Posta un commento
    google-playkhamsatmostaqltradent