Ecco come sarà la medicina nel 2031

Home page

 10 anni non sono un lungo periodo di tempo per lo sviluppo di farmaci e la ricerca sanitaria, ma la pandemia di COVID-19 ha comunque dimostrato che determinate condizioni possono essere potenti acceleratori che stimolano lo sviluppo e cambiano il mondo.





Pertanto, il quotidiano francese Le Monde - in occasione del decennale del suo supplemento settimanale "Scienza e medicina" - ha intervistato un gruppo di medici specialisti, ciascuno secondo il suo campo, per discutere delle trasformazioni nel corso del prossimo decennio, per farne un riferimento a cui tornare nel 2031 per misurare la differenza tra queste previsioni e la realtà.

medicina personalizzata

In queste interviste di Sandrine Capo, Pascal Santi, Florence Rosier e Nathaniel Herzberg, Clement Goehrs, MD e co-fondatore di Synapse Medicine, vede la medicina personalizzata e le terapie e il monitoraggio individualizzati, adattati alle caratteristiche del singolo paziente, diventare il corso di routine del trattamento . futuro.



Goehrs riteneva che la prima ragione di ciò fosse la diffusione delle malattie croniche e la complessità dei metodi di cura, come dimostrano le statistiche francesi che dicono che il 30-40% degli anziani assume almeno 10 farmaci diversi al giorno. La seconda ragione è che l'intelligenza artificiale oggi fornisce i mezzi per apprendere molte informazioni sulla salute di un individuo. Il terzo è il massiccio investimento delle aziende farmaceutiche in approcci di medicina personalizzata che hanno avuto inizio in aree come la scienza del cancro.

Questi argomenti - secondo il quotidiano - sono una buona notizia per i pazienti perché diventeranno partner nelle loro cure, mentre i medici avranno bisogno di maggiore aiuto nelle loro decisioni e la loro professione sarà più vicina alla gestione dei sistemi, come nel caso dei navigatori di aerei , sapendo che le aziende digitali giganti saranno le prime controller di questi sistemi.

Neurologia

Da parte sua, il professor Lionel Naccache, neurologo presso l'ospedale Petit-Salpetriere e ricercatore presso il Brain Institute, afferma di poter immaginare una serie di sviluppi nel campo della neurologia, compresa la cooperazione tra neurologi e specialisti di intelligenza artificiale in grado di fornire strumenti digitali che aiutano il medico a raccogliere, organizzare e analizzare dati multimediali specifici sul paziente, utili nella diagnosi e nel follow-up dei pazienti neurologici.


Niqash immagina che l'istituzione di "centri di emergenza cerebrale" riunirebbe le competenze all'interno della stessa squadra, il che rivoluzionerebbe le pratiche, poiché il paziente riceverebbe un luogo che riunisce tutte le specialità legate alle malattie neurologiche e che la telemedicina - che attualmente esiste - assisterà ad un notevole sviluppo, soprattutto per le malattie accompagnate da crisi temporanee acute come l'epilessia.


Psichiatria

Da parte sua, lo psichiatra David Gurion prevede che entro il 2030 cambierà il volto della psichiatria, soprattutto per quanto riguarda i big data, le sottospecialità, la telemedicina, la carenza di psichiatri e la famiglia e la crescente domanda, così come una fusione tra neuroscienze e umanistiche, farmacogenetica ed elettroencefalografia e neuromodulazione.


Questo specialista immagina come giocherà un consulto psicologico in futuro, indicando il grande ruolo che l'intelligenza artificiale giocherà in quel consulto, descrivendo in dettaglio le fasi di questo consulto in cui il robot gioca un ruolo chiave, senza trascurare la presenza di reali medici per il supporto emotivo e psicologico.


Oncologia

Il professor Lawrence Zetvogel dell'Istituto Gustave Rossi prevede un importante progresso nel campo dell'oncologia, soprattutto per quanto riguarda gli strumenti diagnostici, immaginando che si baserà sui dati raccolti da imaging, genetica, metabolismo, immunologia e microbiologia, per una precisione superiore.


Grazie all'avvento del teleconsulto, il follow-up sistematico degli effetti collaterali delle cure dei pazienti si svilupperà al di fuori degli ospedali tramite applicazioni mobili, e verrà data maggiore attenzione alla prevenzione attraverso il miglioramento degli stili di vita dei pazienti a rischio.


protezione

Nel campo della prevenzione, Xavier Goffin, specialista in cardiologia ed epidemiologia e direttore del Centro per l'esperienza della morte improvvisa di Parigi, ritiene che la prevenzione sia la più efficace, ma identificando le persone a rischio utilizzando modelli di previsione classici che includono circa 40 variabili, si è scoperto che non è abbastanza al momento.


Questo specialista osserva che l'uso dell'intelligenza artificiale e dell'apprendimento automatico ha recentemente permesso loro di identificare variabili in grado di prevedere la probabilità di morte improvvisa a suo tempo, con un'affidabilità fino al 90% su 10 mila variabili, indicando che questo sviluppo sarà portano da un punto di vista medico a sconvolgere le scale del metodo usuale nella diagnosi della malattia, in modo che diventi possibile prevenire le complicanze prima di fare una diagnosi accurata.


Infine, ritiene che sia possibile in futuro condurre un esame su larga scala dei rischi di problemi vascolari, utilizzando le banche dati di Medicare, e quindi contattando le persone classificate a rischio, per un esame cardiovascolare completo, per determinare il più prevenzione adeguata per ogni caso.


Misure deterrenti contro alcol e tabacco

Da parte sua Devi Sridhar, professore di sanità pubblica all'Università di Edimburgo, avverte che la mancata adozione di misure deterrenti contro l'uso di alcol e tabacco, l'obesità e la mancanza di attività fisica porterà al collasso dei sistemi sanitari sotto la pressione del attuale crescita delle malattie croniche.


Questo professore afferma che "ciò che mi aspetto nel prossimo decennio è una svolta sociale nel campo della medicina, con l'attenzione che si sposta sul mantenimento della salute piuttosto che sul modo di curare le persone", che richiede un cambiamento nell'alimentazione e la costruzione di città, notando che queste questioni sono state ignorate per molto tempo. .


Questo medico ha concluso che l'epidemia di Covid-19 ha mostrato al mondo la debolezza dei suoi sistemi sanitari, chiedendo una strategia basata sul concentrarsi sul mantenimento della salute, aspettandosi che ciò sia effettivamente possibile.


Fonte: Le Monde

Reactions:
Ecco come sarà la medicina nel 2031
fiera uccelli

Commenti

Non ci sono commenti
Posta un commento
    google-playkhamsatmostaqltradent