trading

Grandi crisi attendono l'Europa alla luce dei problemi di produzione di #energi

Home page




L'approvvigionamento energetico nel Regno Unito e in Europa è diventato più fragile per motivi tecnici, il più importante dei quali è la dipendenza dal vento e da altre fonti energetiche irregolari, e per motivi politici, primo fra tutti la dipendenza dalla Russia.


In un rapporto pubblicato dal quotidiano britannico The Independent, l'autore Hamish McCray afferma che, nonostante la rapida transizione del Regno Unito verso fonti alternative di generazione di energia, avrà ancora bisogno del gas come combustibile di riserva.



Chi scrive ritiene che il Regno soffra di diversi problemi che spiegano la crisi energetica, in quanto mancano strutture sufficienti per immagazzinare il gas e ci sono molti ostacoli alla costruzione di nuove centrali nucleari.


Problemi energetici in Europa

Lo scrittore aggiunge che questo "caos" non è limitato al Regno Unito, ma include l'Europa e altre regioni.Se viaggi in alcune aree con economie emergenti, dovresti aspettarti interruzioni di corrente in qualsiasi momento, il che fa sì che molti di questi paesi facciano affidamento su generatori di backup, ma non lo vedrai nel mondo sviluppato.



Il Regno Unito ha finalmente iniziato a gestire un cavo elettrico dalla Norvegia, il cavo elettrico sottomarino più lungo del mondo, con l'idea di portare energia idroelettrica pulita dalla Norvegia ed esportare energia eolica pulita dal Regno Unito.


Ma uno dei problemi che hanno ostacolato il progetto è che la Norvegia ha subito una siccità che ha ridotto l'energia immagazzinata al livello più basso in 10 anni, e non solo le esportazioni saranno limitate, ma i paesi nordici dovranno affrontare bollette energetiche molto alte, 5 volte il livello erano l'anno scorso.


Secondo l'autore, la Germania ha fatto grandi passi avanti nella transizione alle fonti energetiche rinnovabili, ma il carbone ordinario e la lignite hanno fornito più di un quarto del suo fabbisogno nella prima metà di quest'anno, e sarà difficile ridurre questa percentuale quando il paese chiude le sue restanti centrali nucleari.


Per quanto riguarda la Francia, Paese che ha puntato molto sul nucleare, lo scorso anno l'energia nucleare ha fornito il 70% del fabbisogno di energia elettrica del Paese, la percentuale più alta al mondo, ma la capacità totale delle operazioni di produzione non è aumentata dal 1999, ed ora è leggermente inferiore a quello che era all'epoca.



In Italia, i combustibili fossili forniscono oltre il 60% della capacità produttiva, con il gas importato che rappresenta la quota maggiore del mix.


Un martinetto pompa petrolio in un campo vicino a CalgaryIl Regno Unito non ha strutture sufficienti per immagazzinare gas e ci sono molti ostacoli alla costruzione di nuove centrali nucleari (Reuters)

Il bisogno della Russia

Chi scrive fa notare che c'è un grande dibattito in Europa sul completamento da parte della Germania della costruzione del nuovo gasdotto dalla Russia sotto il Mar Baltico, noto come progetto "Nord Stream 2", poiché gli osservatori si chiedono se questa linea renderà l'Europa più bisognosi della Russia, o viceversa.


Molti esperti ritengono che la Russia possa ora utilizzare l'energia in modo più efficace come arma contro l'Europa, e questo rende le forniture energetiche nel Regno Unito e in Europa più fragili e vulnerabili.


Oltre a fattori politici, vi sono motivi tecnici di preoccupazione - secondo l'autore - poiché l'Europa dipende dall'eolico e da altre fonti irregolari, il Regno Unito soffre di problemi normativi, la Francia ha difficoltà a costruire nuove centrali nucleari, mentre la Germania è completamente rifiuta di fare affidamento sull'energia nucleare. .


Chi scrive ritiene che la cosa più inquietante sia che questi problemi che l'Europa sta attraversando arrivano in un momento in cui l'economia globale sta muovendo i primi passi di una trasformazione strutturale verso l'abbandono dei combustibili fossili e il raggiungimento della neutralità del carbonio.



Questa trasformazione può essere ostacolata da molti ostacoli, con la fretta di affidarsi alle auto elettriche - per esempio - il Regno Unito non sarà in grado di generare abbastanza elettricità per farla funzionare.


Chi scrive conclude che la crisi attesa più vicina nel prossimo inverno è l'interruzione di corrente alla luce dell'aumento della domanda di energia per il riscaldamento, soprattutto se il vento non fornisce energia sufficiente.


Fonte: The Independent

Reactions:
 Grandi crisi attendono l
fiera uccelli

Commenti

Non ci sono commenti
Posta un commento
    google-playkhamsatmostaqltradent