L'arresto del presidente e dei membri del governo.. La notizia di un golpe militare in #Sudan e le forze civili invitano la gente a riversarsi in piazz


Lunedì mattina, l'esercito sudanese ha arrestato il primo ministro Abdullah Hamdok, la maggior parte dei membri del suo governo e diversi funzionari e lavoratori del settore dei media, mentre si parlava di un colpo di stato militare.



Il ministero dell'Informazione e della Cultura ha dichiarato - sulla sua pagina Facebook - che il presidente del Consiglio è stato portato in un luogo sconosciuto dopo aver rifiutato di rilasciare una dichiarazione a sostegno del "golpe".



Ha citato Hamdok che invita i sudanesi - in un messaggio dai suoi "arresti domiciliari" - ad aderire alla pace e ad occupare le strade per difendere la loro rivoluzione.



L'ufficio del primo ministro ha affermato che una forza militare ha rapito Hamdok e sua moglie all'alba e li ha portati in una destinazione sconosciuta.


L'ufficio ha sottolineato che quanto accaduto rappresenta una rottura del documento costituzionale e un completo colpo di stato contro le conquiste della rivoluzione.


Da parte sua, un membro del Sovrano Consiglio, Muhammad Al-Taishi, ha affermato il suo rifiuto della mossa militare e ha detto: "Il colpo di stato è tradimento e invito il popolo sudanese alla resistenza pacifica".


Per quanto riguarda Salah Manna, membro del cosiddetto "Comitato per la rimozione dell'empowerment", ha invitato l'"onorevole" esercito ad allinearsi con il popolo sudanese e lo stato civile, sottolineando che "la prova cadrà".


resistenza al colpo di stato

Il ministro degli Esteri Maryam al-Sadiq al-Mahdi ha affermato che qualsiasi colpo di stato è stato respinto e che "lo resisteremo con tutti i mezzi civili".


Al-Mahdi ha aggiunto che la detenzione del Primo Ministro in un luogo sconosciuto è "molto pericolosa e inaccettabile".


Ha affermato che non ci sono contatti tra i ministri del governo a causa dell'interruzione dei mezzi di comunicazione diretti e della chiusura dei ponti.


Il ministro ha anche affermato che i ministri del governo che non sono detenuti troveranno un modo per comunicare e sistemare le cose nelle prossime ore.



In precedenza, il ministero della Cultura e dell'Informazione ha annunciato oggi che "le forze militari" hanno arrestato "la maggior parte dei membri del governo e dei civili del Consiglio di sovranità".


La "Cultura" ha affermato che quello che è successo è stato un vero e proprio colpo di stato militare e ha invitato le masse a bloccare la strada all'azione militare.


Ha citato che "le forze militari congiunte hanno preso d'assalto il quartier generale della radio e della televisione a Omdurman e hanno arrestato un certo numero di lavoratori".


Il corrispondente di Al-Jazeera ha riferito che un certo numero di stazioni radio sudanesi, inclusa la radio ufficiale, aveva smesso di trasmettere sulle onde FM.



In risposta alle prese di mira dei media, il direttore di Sudan TV ha detto: "Le persone che hanno abbagliato il mondo con la loro rivoluzione saranno ancora una volta abbagliate dalla sua conservazione".


"Siamo venuti per servire il nostro Paese per realizzare una transizione democratica guidata da un'autorità civile, e non accetteremo altro", ha aggiunto.



attesa popolare

I sudanesi sono in attesa di un comunicato televisivo sulla natura dei fatti che si stanno svolgendo nella capitale, Khartoum, all'alba di oggi.



Anadolu Agency ha citato una fonte secondo cui il capo del Sovrano Consiglio, Abdel Fattah Al-Burhan, rilascerà una dichiarazione sugli ultimi sviluppi.


Il corrispondente di Al-Jazeera ha riferito che pennacchi di fumo si sono alzati da diverse strade e aree nelle città di Khartoum e Khartoum Nord.


Fonti dei media hanno parlato di rinforzi militari nelle vicinanze dell'aeroporto internazionale di Khartoum e alcuni media hanno riferito che l'aeroporto era chiuso.


L'Unione dei piloti sudanesi ha annunciato uno sciopero generale e la disobbedienza civile, ed è scesa in piazza in risposta al "golpe militare".



I dettagli degli arresti

Molteplici confische hanno confermato l'arresto di diversi funzionari e politici all'alba di oggi.



La figlia del ministro dell'Industria Ibrahim Al-Sheikh ha detto ad Al-Jazeera che una forza congiunta ha arrestato suo padre dalla sua casa oggi all'alba.


Anche la moglie del governatore di Khartoum, Ayman Nimr, ha detto ad Al Jazeera che una forza armata ha arrestato il governatore dalla sua abitazione.


Il direttore dell'ufficio di Al-Jazeera a Khartoum Al-Muslim Al-Kabashi ha affermato che ci sono anche notizie non confermate sull'arresto di Muhammad Al-Faki Suleiman, membro del Consiglio di sovranità, nonché del ministro dell'Informazione Hamza Balloul, il Il ministro delle Comunicazioni Hashem Hasab Al-Rasoul e il capo del Partito socialista arabo Baath Ali Al-Raih Al-Sanhouri.


Reuters ha citato fonti della famiglia di Faisal Muhammad Salih, consigliere per i media del primo ministro, secondo cui una forza militare ha fatto irruzione nella casa del consigliere e lo ha arrestato.



L'agenzia ha riferito che Yasser Arman, consigliere del primo ministro, è stato arrestato.


Da parte sua, l'Associazione dei professionisti ha affermato che c'era notizia di una mossa militare per "prendere il potere" e ha invitato le masse a scendere in piazza per resistere a qualsiasi colpo di stato militare.


Internet disconnesso

Il corrispondente di Al-Jazeera ha riferito che Internet è stato interrotto e le comunicazioni sono state compromesse in alcune aree della capitale, aggiungendo che le forze dell'esercito hanno chiuso ponti e tunnel a Khartoum.


Nel frattempo, i manifestanti hanno bloccato alcune strade della capitale e dato fuoco per protestare contro gli arresti.



Da parte sua, il Sindacato dei medici ha annunciato uno sciopero generale negli ospedali, salvo casi di emergenza, e ha deciso di ritirarsi dagli ospedali militari, e ha chiesto che i settori professionali scendano in piazza.


L'Associazione dei banchieri ha anche annunciato che i dipendenti del settore hanno scioperato e aperto la disobbedienza civile per protestare contro gli arresti.


Dal canto suo, l'Associazione dei Professionisti ha detto che c'era notizia di una mossa militare volta a "prendere il potere" e ha invitato le masse popolari a prepararsi a resistere a qualsiasi colpo di stato militare.


"Facciamo appello alle masse del popolo sudanese, alle loro forze rivoluzionarie e ai comitati di resistenza nei quartieri di tutte le città, villaggi e Furqan, affinché scendano nelle strade e le occupino completamente e si preparino a resistere a qualsiasi colpo di stato militare , indipendentemente dalle forze dietro di esso", ha aggiunto l'assemblea in una nota.



Membro del Comitato sudanese per la solidarietà con i detenuti politici, presidente del Partito del Congresso sudanese, Ibrahim Al-Sheikh


In una dichiarazione successiva, l'Associazione dei professionisti ha dichiarato: "Ci sono rapporti secondo cui i golpisti si stanno preparando a tagliare Internet dopo che la maggior parte dei membri del Consiglio dei ministri e del Sovrano Consiglio sono stati arrestati, il che significa che la loro tendenza a oscurare le pratiche di repressione e terrorismo, che riporta alla memoria le pratiche del Comitato di Sicurezza e dei Janjaweed dopo la strage del Comando Generale nel giugno 2019”.


"Chiediamo ai comitati di resistenza e alle forze rivoluzionarie professionali, sindacali, politiche e popolari di preparare e attivare gli strumenti collaudati di comunicazione, coordinamento e networking di terra", ha aggiunto la dichiarazione.



Da parte sua, il National Umma Party ha affermato: "Condanniamo - con la massima fermezza - gli arresti ei colpi di stato, che costituiscono una violazione del documento costituzionale".


proposte americane

Questi sviluppi in accelerazione arrivano poche ore dopo che gli Stati Uniti hanno annunciato proposte per risolvere l'attuale crisi politica, che il presidente del Consiglio sovrano di transizione, il tenente generale Abdel Fattah Al-Burhan, si è impegnato a studiare con il primo ministro.


L'inviato speciale degli Stati Uniti per il Corno d'Africa, Jeffrey Feltman, ha tenuto una serie di incontri con i leader del periodo di transizione negli ultimi due giorni e l'ambasciata di Washington a Khartoum ha detto ieri che Feltman ha assicurato ai funzionari sudanesi che il sostegno degli Stati Uniti dipende dalla loro impegno per il sistema transitorio concordato nella Dichiarazione costituzionale e nell'Accordo di pace di Juba.


L'ambasciata ha affermato che Feltman ha esortato il governo sudanese ad attuare i principali standard di transizione secondo tempistiche, compresa l'istituzione del Consiglio legislativo di transizione, concordando una data per la consegna della presidenza del Consiglio di sovranità ai civili, riformando i servizi di sicurezza, stabilendo un quadro per le elezioni, la ristrutturazione della Corte costituzionale e l'istituzione di meccanismi di giustizia.


Nelle ultime settimane si è intensificata la tensione tra la componente militare e quella civile dell'autorità di transizione, a seguito delle critiche dei vertici militari delle forze politiche sullo sfondo del tentativo di colpo di stato del 21 settembre, e della disputa sulle modalità di consegna del Presidenza del Consiglio di Sovranità ai civili secondo il documento costituzionale.


Dal 16 ottobre i sostenitori delle forze del cosiddetto "Patto Nazionale" protestano davanti al Palazzo Repubblicano di Khartoum per chiedere lo scioglimento del governo di Hamdok e la sua sostituzione con un governo di competenze, mentre il Consiglio Centrale della "Libertà and Change" si oppone a questo.


Poche ore prima dello scoppio dei fatti a Khartoum, ieri sera in un post su Facebook il ministro degli Affari esteri Khaled Omar Youssef ha dichiarato: "Il colpo di stato in corso è testimoniato da molti, continui e chiari, l'ultimo dei quali è un tentativo di creare libertà e cambiare un altro , e l'illusione di una crisi costituzionale e poi il sostegno al sit-in di palazzo".


Questi eventi sono accompagnati da una crisi della farina di grano e del carburante a Khartoum a causa della chiusura di porti e strade nell'est del Paese.


Fonte: Al Jazeera + Reuters + Agenzia Sanad

Reactions:
author-img
news trading hosting

Commenti

google-playkhamsatmostaqltradent