Quando la #scienza crede in Dio... un nuovo #libro capovolge le vecchie convinzioni sulla scienza e la #fede

 Un nuovo libro scientifico degli scrittori francesi Michel-Yves Bolloré e Olivier Bonnassies sul rapporto della scienza con il divino, considerate scoperte scientifiche legate alla relatività, alla meccanica quantistica, alla complessità degli organismi viventi e alla morte termica dell'universo - e in particolare - la teoria del Big Bang È diventato sufficiente per capovolgere la fede e le convinzioni di qualsiasi ateo che non crede nell'esistenza di Dio.





Secondo un lungo rapporto pubblicato dal quotidiano francese Le Figaro, i due scrittori si sono concentrati nel loro nuovo libro "Dio, scienza e prove.. L'alba di una rivoluzione" (Dieu, la science, les preuves. L'aube d'une révolution) sul percorso dell'emergere dell'universo, iniziato con il "Big Bang" circa 14 miliardi di anni fa, e le accumulazioni scientifiche che ne sono seguite, seguiranno inevitabilmente scoperte sorprendenti nei prossimi decenni, che li hanno portati a "vedere il volto del Creatore in galassie lontane”.


L'astrofisico buddista Trin Guan Tuan - uno degli scienziati citati dai due autori come "astronomi credenti" - afferma che "nei prossimi 30 anni avremo scoperte entusiasmanti sulla cosmologia delle origini".


Grande Architetto

E questo "scienziato credente" - aggiunge il giornale - non è l'unico a scommettere sull'esistenza di un "grande architetto" dietro la creazione di questo universo, ad esempio sono stati condotti alcuni studi che sono andati nella stessa direzione, tra cui uno studio americano del 2009 condotto dal Pew Center The Pew Research Center su "Scientists and Beliefs in the United States" ha mostrato che la maggior parte degli scienziati americani (51%) crede in "qualcosa" rispetto a una minoranza (41%) di atei .



Gli scrittori francesi hanno anche citato uno studio condotto dal genetista Baruch Aba Shalev nel 2003 sulle credenze dei vincitori del Premio Nobel sin dal suo inizio, che mostra che il 90% dei vincitori del Premio Nobel è associato a una religione, due terzi di loro sono cristiani e che la percentuale di atei tra i vincitori Il Premio Nobel per la Letteratura è del 35% contro solo il 10% tra gli scienziati.


Il rapporto ritiene che la teoria del Big Bang - confermata scientificamente all'inizio degli anni Sessanta del secolo scorso e divenuta ineccepibile - è stata a lungo osteggiata da coloro che rifiutano credenze e miti metafisici perché ha nuovamente aperto la strada a visioni, e questa opposizione è continuata anche all'ombra del nazismo e del comunismo che hanno combattuto tali idee con la reclusione e con condanne a morte.


Il giornale ritiene che i due scrittori abbiano ragione nel sostenere che lo sviluppo della scienza è diventato meno dogmatico (uno stato di stagnazione intellettuale in cui una persona è intollerante alle proprie idee al punto da rifiutarsi di vedere idee contraddittorie) quando si tratta di alle questioni dottrinali, poiché gli atei non possono più fare affidamento su di essa per dimostrare che Dio non esiste, e i credenti sono in grado di citare scoperte scientifiche per dimostrare la sua esistenza.


D'altra parte, i due autori affermano che nel processo della scienza nulla nasce dal nulla, e che se c'è stato un "Big Bang" allora sicuramente c'era anche qualcosa prima di esso "superintelligenza oltre ogni immaginazione".



Ma il problema è che parlare di “prima” del Big Bang pone anche un problema di natura temporale, visto che il tempo è nato con l'esplosione, quindi è ridicolo ipotizzare l'esistenza di un evento prima dell'evento e nessun tempo prima del tempo, che ci lascia con una domanda senza risposta: come può qualcosa nascere dal nulla? O, più chiaramente: chi ha iniziato a scorrere le lancette del tempo?


Le Figaro sottolinea che alla luce di queste domande, rimane solo una cosa su cui tutti gli scienziati sono d'accordo, siano essi credenti o atei: il principio delle domande metafisiche, che di per sé è un gigantesco passo avanti per i credenti indipendentemente dalle loro convinzioni, anche il fisico teorico Albert Einstein stesso Finì per accettare l'idea di un Dio come "la causa numero uno dietro le cose", disse.


Fonte: Le Figaro

google-playkhamsatmostaqltradent