news trading hosting

#ClaudeGuéant in carcere: in carcere per debiti, quanto?

Home page

che e Claude Guéant

 L'ex "primo poliziotto in Francia" in carcere. Claude Guéant è stato incarcerato lunedì 13 dicembre 2021 nel carcere di La Santé, a Parigi, durante la mattinata, a seguito di un mandato di cattura emesso da un giudice dell'esecuzione della sentenza pronunciato all'inizio della giornata. Una decisione che fa parte del fascicolo dei "bonus di gabinetto", ovvero bonus in denaro di cui ha beneficiato ogni mese dal 2002 al 2004 mentre lavorava come capo di gabinetto presso il ministro dell'Interno dell'allora, un certo Nicolas Sarkozy. Un caso che è arrivato nelle mani della giustizia e che gli è valso la condanna, nel 2019, a due anni di reclusione, di cui uno sospeso, l'interdizione dall'esercizio di qualsiasi ufficio pubblico per cinque anni, la multa di 75 mila euro, ma anche restituire 190.000 euro all'erario.


Tuttavia, secondo gli elementi raccolti da Le Parisien, colui che è stato anche segretario generale dell'Eliseo tra il 2007 e il 2011, avrebbe rimborsato solo poco più di un terzo del dovuto, ovvero 75.000 euro, in «gran parte, in un modo vincolato mediante sequestro", precisa France Info. È stato infatti disposto un sequestro sull'importo della sua pensione, fino a 3000 euro mensili sui 5500 euro che riceve ogni mese. Un ritmo insufficiente agli occhi della giustizia, che vuole che il debito venga cancellato al più presto, mentre il 76enne deve ancora pagare 115mila euro. Secondo la camera di condanna, citata dai media di servizio pubblico, Claude Guéant avrebbe, oltre il pensionamento, "ulteriori fonti di reddito" e avrebbe potuto "pagare di più" e "prima".



L'avvocato di Claude Guéant reagisce

Poco dopo l'annuncio della detenzione di Claude Guéant, il suo avvocato ha parlato a BFM TV. Philippe Bouchez El Ghozi ha spiegato che Claude Guéant "ha fatto di tutto per onorare questo debito. Non capisce perché la giustizia non gli abbia creduto quando ha detto che non aveva più soldi da pagare ed è sorpreso oggi di essere messo in carcere quando non ha un euro in più”. Il consiglio di questo molto vicino a Nicolas Sarkozy ha evocato "un uomo estremamente colpito, che vede molto male questa situazione. Ha un debito, è dovuto, non lo nega".


Claude Guéant, ex vicino a Nicolas Sarkozy, che fu suo segretario generale del Palazzo dell'Eliseo e poi suo ministro degli Interni, mercoledì 16 gennaio 2019 è stato condannato in via definitiva a una pena detentiva, in caso di bonus in denaro. La Corte di Cassazione ha respinto il suo ricorso per cassazione, che convalida di fatto la sentenza emessa dalla Corte d'Appello di Parigi il 23 gennaio 2018.


Claude Guéant è stato condannato per aver ricevuto bonus in denaro quando era lui stesso al servizio di Nicolas Sarkozy place Beauvau, tra il 2002 e il 2004. Un processo senza esistenza legale che è presentato come una pratica "solita" all'interno del ministero per arrotondare la fine del mese per i collaboratori dello studio. Le somme venivano prelevate ogni mese da un fondo che avrebbe dovuto aiutare la polizia nelle indagini.



Dal 2000 e dalla legge sulla trasparenza della vita pubblica, ea fortiori dal 2002 e dall'abolizione dei fondi speciali da parte di Lionel Jospin, queste pratiche, peraltro consuete nei ministeri, sono però severamente vietate. Ciò non ha impedito a Claude Guéant di costruire un sistema di appropriazione indebita di fondi pubblici definito "scandaloso" dai magistrati. L'ex direttore generale della polizia nazionale, Claude Guéant, secondo i giudici, aveva "abusato della sua conoscenza" dell'incarico per richiedere somme al suo successore, Michel Gaudin, che aveva in mano le buste delle spese di indagine e sorveglianza (FES) . Nel gabinetto di Nicolas Sarkozy, allora ministro degli Interni, Claude Guéant avrebbe ricevuto fino a 10.000 euro al mese per un totale di 210.000 euro tra il 2002 e il 2004.




In primo grado, Claude Guéant era già stato condannato a due anni di reclusione con sospensione della pena, una multa di 75mila euro e un'interdizione di cinque anni da ogni ufficio pubblico. La corte d'appello aveva deciso di essere ancora più severa, aggiungendo una pena detentiva. Questa vicenda è un'ombra in più sul tavolo degli anni di Sarkozy. Claude Guéant è stato il più stretto collaboratore dell'ex capo di Stato, seguendolo durante tutta la sua ascesa, dal Ministero dell'Interno all'Eliseo, fino a diventare lui stesso ministro dal 2011. Soprannominato "il cardinale" quando lavorava dietro le quinte di potere, il nome di Claude Guéant è associato a diversi altri casi come quelli delle urne dell'Eliseo, il caso dell'arbitrato Tapie, i legami dell'ex capo di stato con Muammar Gheddafi o nella vicenda dei sondaggi.


affare sondaggi

Questo non è l'unico caso in cui è coinvolto Claude Guéant. Anche l'ex segretario generale dell'Eliseo è sotto processo nei cosiddetti "sondaggi", questo fascicolo che coinvolge lo statista e diversi vicini a Nicolas Sarkozy per aver, duran te la presidenza dell'ex boss dell'UMP, comprato per 7,4 milioni di euro di consulenze in opinioni e sondaggi tra il 2007 e il 2012, in condizioni oscure. Il 3 dicembre 2021, la Procura nazionale delle finanze ha chiesto un anno fermo e una multa di 10.000 euro a Claude Guéant per favoritismi e appropriazione indebita di fondi pubblici per negligenza.




Biografia di Claude Guéant

Grande figura dell'Alto Servizio Civile, Claude Guéant ha lavorato a fianco dell'ambito ministeriale nel 1977, prima con Christian Bonnet (Ministro dell'Interno), poi con Charles Pasqua (Ministro dell'Interno e della Pianificazione Territoriale). Dal 2002 al 2007 ha lavorato successivamente per il gabinetto di Nicolas Sarkozy, il Ministero delle Finanze e il Ministero degli Interni. Nel 2007 ha unito le forze con Nicolas Sarkozy, che lo ha nominato direttore della sua campagna per le elezioni presidenziali. La vittoria del candidato UMP gli valse la nomina a Segretario Generale della Presidenza della Repubblica, e la sua influenza lo rese una figura di spicco.


Nel febbraio 2011, è succeduto a Brice Hortefeux come ministro degli Interni, dei territori d'oltremare, delle autorità locali e dell'immigrazione, carica che ha perso quando è stato eletto François Hollande. Nel 2013, Claude Guéant è stato minacciato da diversi casi, in particolare il caso del finanziamento della campagna Sarkozy del 2007, lavori fittizi, vendita di dipinti ... È stato infine posto in custodia di polizia il 26 maggio 2014 nel contesto del caso Tapie. Nel 2015, Claude Guéant è stato condannato in primo grado nel caso di "bonus di cassa in denaro". Nel 2017 ha presentato ricorso contro questa sentenza, ma la sua pena è stata aumentata. È stato condannato a due anni di reclusione, di cui uno chiuso, una multa di 75mila euro e l'interdizione dai pubblici uffici per cinque anni.

google-playkhamsatmostaqltradent