F news trading hosting

feed

wordpress gratis

L'attore #JayJohnston è stato bandito da "Bob's Burgers" sulla rivolta al Campidoglio

Home page

 


Le conseguenze della micidiale rivolta al Campidoglio del 6 gennaio sono state, in gran parte, la storia di un'evidente mancanza di conseguenze. Sebbene numerosi presunti rivoltosi siano stati catturati o accusati dai federali e diverse importanti personalità del MAGA siano state bombardate con citazioni in giudizio e costose azioni legali, molti dei leader e dei legislatori dietro Donald Trump e il tentativo di colpo di stato dei repubblicani sono sfuggiti a una resa dei conti.


L'attore #JayJohnston è stato bandito da "Bob's Burgers" sulla rivolta al Campidoglio
L'attore #JayJohnston è stato bandito da "Bob's Burgers" sulla rivolta al Campidoglio


Dopotutto, il leader del fallito colpo di stato, l'ex presidente Trump, è ancora il leader indiscusso e protetto del suo partito, e le sue bugie antidemocratiche sulle elezioni del 2020 continuano a dominare le priorità del Partito Repubblicano. La maggior parte del post-gennaio. 6 conseguenze e la galera non sono stati sopportati dai leader, ma dagli invasori del Campidoglio che quel giorno erano sul campo su istruzione dell'allora presidente.

Ma solo perché Donald Trump è riuscito a sfuggire alla resa dei conti non significa che Jimmy Pesto l'abbia fatto.



Uno di questi presunti partecipanti del 6 gennaio che ha pagato una sorta di prezzo per gli eventi violenti di quel giorno non è altro che Jay Johnston, un attore e comico i cui crediti includono amate serie TV e film come Mr. Show, Arrested Development, e Anchorman.

Secondo due persone che hanno familiarità con la questione, lo staff di spicco della sitcom animata di lunga data Bob's Burgers non consente più a Johnston di dare la voce al suo personaggio ricorrente, Jimmy Pesto Sr., nello show della Fox acclamato dalla critica. Una delle fonti lo ha descritto come un "divieto". L'altro individuo che aveva familiarità con la questione ha descritto la situazione in modo simile, aggiungendo che il cast e la troupe di Bob's Burgers, così come la Fox, non stavano cercando di fare "un grosso problema" sull'attuale lista nera dell'apparente partecipante all'insurrezione.



Il personaggio di Jimmy Pesto Sr. era diventato uno dei preferiti dai fan di Bob's Burgers sin dal suo debutto nella prima stagione dello show. È il proprietario della Pizzeria Jimmy Pesto, un locale di successo e relativamente “di classe” che fa venire il mal di testa a Bob; un orgoglioso italiano, biancheria intima sportiva con bandiera italiana e cravatta con bandiera italiana; e il fioretto strano a Bob. Mentre Bob è un uomo di famiglia che lavora sodo, Pesto ha cambiato il suo cognome per farlo sembrare più italiano, è un padre divorziato che ignora i suoi tre figli ed è un deviante sessuale con un abbonamento a vita al club fetish locale Desire Dungeon, dove è conosciuto come "Baby Num-Num", l'amante dei pannolini.

Johnston, 53 anni, aveva doppiato Pesto in un totale di 43 episodi di Bob's Burgers nel corso delle sue prime undici stagioni. È apparso per l'ultima volta nell'episodio della stagione 11 "The Bridge Over Troubled Rudy", andato in onda il 2 maggio 2021, ed è stato notevolmente assente dalla dodicesima stagione dello show.



Venerdì, un portavoce della Fox ha semplicemente detto a The Daily Beast: "Grazie per averci contattato, FOX non ha commenti" su questa storia, e un portavoce della Disney ha risposto allo stesso modo: "​Non forniremo un commento". Non è stato possibile raggiungere Johnston per un commento e le telefonate non sono state restituite a partire da venerdì pomeriggio.




Johnston, Fox e lo staff di Bob's Burgers non hanno mai confermato pubblicamente che quella fosse, in effetti, la faccia di Johnston che l'FBI ha pubblicato in un poster sollecitando suggerimenti su un possibile sospetto di sommossa. Johnston non è stato arrestato o accusato di un crimine.

Il suo nome è emerso per la prima volta come potenziale partecipante all'insurrezione quando gli investigatori del web hanno identificato l'attore comico come un sospetto rivoltoso visto in un poster dell'FBI il 4 marzo e nel video della rivolta filmato vicino ai gradini del Campidoglio. Nel filmato, un uomo che indossa una giacca di pelle verde e una ghetta mimetica al collo - soprannominato il sospetto numero 247 dal Bureau - è visibile accanto ai rivoltosi che scattano foto mentre i sostenitori di Trump si fanno strada verso l'edificio di fronte alle impalcature allestite per l'imminente inaugurazione.



«Non sono un detective, ma conosco JayHa detto che era lì. Ed è lui nella foto. Quindi…” Cassandra Church, un'attrice che ha lavorato al fianco di Johnston nello show Harmontown, ha twittato a marzo. Spencer Crittenden, un altro ex collega di Harmontown di Johnston, ha scritto che l'attore "è anche un codardo sostenitore di Trump ed era lì in quel momento" in un tweet poi cancellato.

Tim Heidecker, attore e scrittore di commedie che ha recitato in Bob's Burgers, ha twittato di aver "confermato completamente attraverso fonti affidabili" che l'uomo nel poster dell'FBI era Johnston e ha aggiunto "è Jay". Heidecker ha successivamente cancellato i post perché, ha detto, il suo tweet "era una risposta a qualcuno che chiedeva e non dovrebbe essere usato come una sorta di fonte ufficiale di informazioni o verifica".



Oltre alla sua presunta passione per Trump, Johnston è anche un socio di Gavin McInnes ed è apparso nel suo programma ormai defunto nel 2015. McInnes è il fondatore dei Proud Boys, un gruppo estremista di estrema destra che ha visto oltre 60 dei suoi membri arrestato in relazione all'insurrezione del Campidoglio. Da allora McInnes ha cercato di prendere le distanze dal gruppo.

multi

google-playkhamsatmostaqltradent