last posts

Novellara (Reggio Emilia): Misure Cautelari per Genitori Coinvolti in Matrimonio Forzato di Giovane

 Novellara (Reggio Emilia): Misure Cautelari per Genitori Coinvolti in Matrimonio Forzato di Giovane

La vicenda, intricata e angosciante, riguarda una giovane ventenne costretta a un matrimonio con il proprio cugino, causando un turbine di minacce e violenze in una tranquilla Novellara, situata nella provincia di Reggio Emilia. Le misure cautelari sono state decise per il padre, un uomo di 52 anni originario del Pakistan, residente nel paese, e per la moglie, di 37 anni, figura matrigna della ragazza, con l'imposizione di divieti riguardanti la comunicazione e l'avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima. Entrambi sono stati provvisti di braccialetti elettronici per il controllo degli spostamenti.

La complessa storia della giovane risulta ancor più intricata: precedentemente costretta a un matrimonio a distanza con il cugino, si è sempre opposta fermamente a concretizzare fisicamente questa unione. Ora, sia lei che il coniuge affrontano l'accusa di maltrattamenti, mentre l'uomo è ulteriormente incriminato per aver esercitato coercizione e pressioni affinché avvenisse il matrimonio.




Ma non è tutto, la vicenda si intreccia con sospetti riguardanti la tragica morte della madre naturale della ragazza avvenuta in Pakistan, quando questa era appena venuta al mondo. Sebbene ufficialmente si tratti di un decesso per cause naturali, la ragazza ha confidato di aver ricevuto informazioni durante l'infanzia, sostenendo che si trattasse di un omicidio perpetrato dallo zio, fratello maggiore del padre.

L'inchiesta ha svelato che la ragazza era, di fatto, prigioniera nella propria casa a Novellara, privata della libertà di uscire, cercare un impiego o stabilire contatti con il mondo esterno. Persino la prosecuzione dei suoi studi è stata interrotta al termine della terza media, volontà espressa in modo categorico dal padre. Gli adulti che le stavano attorno imponevano norme di comportamento ritenute "appropriate" secondo i dettami della religione musulmana, scoraggiandola dall'affidarsi agli assistenti sociali che tentavano di seguirne le vicende.

Nel tumulto di questa storia, si è evidenziato che nel 2021 il padre ha insistito affinché la figlia sposasse, a distanza, un cugino mai incontrato di persona, verosimilmente figlio dello zio, con l'intento di celebrare poi fisicamente questa unione in Pakistan. Davanti al rifiuto netto della giovane, il padre ha minacciato conseguenze tragiche, asserendo che sarebbe stata vittima di una sorte simile a quella di Saman Abbas. Il procuratore di Reggio Emilia ha condiviso gli esiti delle indagini condotte dai carabinieri di Novellara e dai servizi sociali del Comune, ottenendo l'approvazione del GIP per l'adozione delle misure cautelari.

Le dinamiche di controllo e coercizione subite dalla giovane sono state sottoposte a un'approfondita analisi da parte delle autorità, le quali hanno reagito con misure cautelari mirate contro il padre e la matrigna. È di vitale importanza comprendere e affrontare le complesse dinamiche di coercizione e controllo presenti in queste tragiche situazioni.

Domande e Risposte:

Quali misure sono state adottate dalle autorità? Le autorità hanno emesso divieti di comunicazione e di avvicinamento nei confronti del padre e della matrigna della vittima, affiancando queste restrizioni all'uso di braccialetti elettronici per monitorarne gli spostamenti.

Quali accuse sono state mosse contro il padre e la matrigna? Entrambi sono accusati di maltrattamenti verso la giovane, mentre al padre è contestata anche l'accusa di aver esercitato coercizione per costringerla al matrimonio.

Cosa si sa riguardo al viaggio in Pakistan e alle minacce? Il padre aveva progettato il matrimonio fisico in Pakistan tra la figlia e un cugino mai incontrato di persona, minacciando conseguenze gravi in caso di rifiuto, citando il tragico destino di Saman Abbas.

Meta Descrizione: Un approfondito articolo rivela la storia di una giovane costretta a un matrimonio forzato, le contromisure legali adottate contro i genitori e le complesse implicazioni di questa tragica vicenda.

Hashtag:
#MatrimonioForzato #CoercizioneFamiliare #DirittiUmani

Commenti



Font Size
+
16
-
lines height
+
2
-